L'ATC BR/A La gestione dei predatori  
  Il Territorio Provinciale I miglioramenti ambientali  
  Le immissioni di selvaggina Le Stoppie  

 

AMBIENTI ECOLOGICI

I Boschi e le Foreste

Buona parte dell'agro brindisino Ŕ stato in tempi remoti una fitta foresta, notizie ditale realtÓ ci sono date dai numerosi atti conservati negli archivi notarili ed in molte pubblicazioni di carattere storico - economico. Ad esempio la zona che comprende i comuni di Francavilla Fontanana, Villa Castelli, Oria, Latiano, era predominio di specie spontanee ed incolte e che formavano la cosiddetta "Foresta Oritana".
Attualmente i boschi e le foreste coprono soltanto 1% della superficie territoriale totale dell' agro brindisino.
Questa situazione di disboscamento provocata inizialmente dalle trasformazioni legate all'economia dei tempi feudali borbonici, Ŕ stata successivamente gravata dalla Riforma Agraria dei primi anni '50 che incentivava le opere di disboscamento nel mezzogiorno.
Ancora oggi si possono osservare piccole piaghe naturali ubicate in modo sparso dove pi¨ difficile Ŕ stata l'azione antropica e la conseguente trasformazione del tessuto agrario, e lungo i tratturi di campagna ed i muri a secco posti a segnare i limiti delle diverse proprietÓ fondiarie.

Tabella 2

ELENCO DELLE ZONE BOSCOSE

ALFIERI  DEL COMPARE

LAMACOPPA

S. ANGELO

BADESSA DI LUCCI LAURITO S. LUCIA
BILANGIARA DON PEPPE SOLE  MARAFFA S. ORONZO
BOTTARI DON SANTO  MARCUCCIO S. PAOLO GRANDE
CADARETTA FACCIASQUATA MARTUCCI SAN BIAGIO
CARDINELLA  FAUTESE MATARRANO SAN DONATO
CASELLONE FEDELE GRANDE MONACHE SAN PIETRO
CASTA FERRI MONREALE SANTORO
CAVALLO FERRUZZI MONTANARO SCIOTTA
CERANO FIGAZZANO MONTE CASTEL PAGANO SCOPINARO
CHIUSURA PICCOLA FORAGNO MONTECARIE SEMERARO
CIRASULLO FRAGUITTO MONTEDORO SISTO
COLEMI GRIECO NANNA TAMBURO
CONFERGOLA LA CHIUSA CARESTIA PICCOLO TRAETTA
COSTA MERLATA  LA SELVA RESTANO ULMO
DEI PRETI LAMA PELLEGRINO S. ABATE NICOLA VITALE

Foto panoramica della Sughereta del bosco di Lucci

Piaga Macchiosa a ridosso di un tipico muretto a secco posto a confine tra due diverse proprietÓ fondiarie


Scolopax Rusticola


Turdus Merola

LA BECCACCIA ed il MERLO sono tra i migratori le specie che maggiormente prediligono le aree boscose

I Boschi e le foreste Le Terre Coltivate Le Zone Umide e gli Ambienti Costieri
atcbra@libero.it Accessi alla pagine: Totali 52 - del Mese 3 - di Oggi 1 ... data variazione pagina 10/04/2016 09:41:38 © Fulvio Rubino - 2016