REGOLAMENTO REGIONALE 5 agosto 1999, n. 3

  (Con le modifiche apportate dal R. R. n. 4/2004)

 

“AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA (ATC)"

 

 

Art. 1

(Generalità)

1.      La Regione Puglia istituisce Ambiti Territoriali di Caccia ripartendo il proprio territorio agro-silvo-pastorale utile alla caccia programmata ai sensi dell'art. 14 della L. R. n. 27/98 così come modificato dalla L. R. n. 12 del 29/07/2004. 

2.      Nei successivi articoli gli Ambiti Territoriali di Caccia sono denominati semplicemente "ATC".

 

Art. 2

(Istituzione)

1.      Con l'approvazione del piano faunistico regionale sono istituiti gli ATC.

2.      Le Province territorialmente competenti si avvalgono, per la gestione degli ATC, di appositi Comitati di gestione.

3.      Il presente regolamento disciplina le modalità di costituzione e-nomina dei Comitati di gestione, la loro durata, i successivi rinnovi, l'accesso di cacciatori e la gestione degli ATC.

4.      L’attività venatoria negli ATC della Regione Puglia è consentita nel rispetto delle norme vigenti e dei calendario venatorio annuale.

 

Art. 3

(Caratteristiche)

1.      L’ATC deve essere, possibilmente omogeneo e delimitato da confini naturali o rilevanti opere ove possibile, in caso contrario di tabelle poste a cura del Comitato dì gestione, con scritta rossa su fondo bianco.

 

Art. 4

(Comitato di gestione)

1.      Ai Comitati di gestione, di natura pubblicistica, è affidata la gestione, per finalità faunistico-venatorie, dei territori destinati alla caccia programmata ricadenti negli ATC.

2.      Il Comitato di gestione è composto da venti membri di cui:

a)      sei rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale e presenti sul territorio dell'ATC;

b)      sei rappresentanti delle associazioni venatorie riconosciute a livello nazionale e regionale ai sensi dell'articolo 62 della legge regionale n. 27 del 1998, ove presenti in forma organizzata sul territorio dell'ATC;

c)      quattro rappresentanti delle associazioni di protezione ambientale più rappresentative presenti nel Consiglio nazionale per l'ambiente, designati dalle organizzazioni provinciali o regionali;

d)      quattro rappresentanti degli enti locali territoriali, di cui uno dell'Amministrazione provinciale e tre dei Comuni con maggior territorio agro-silvo-pastorale ricadente nell'ATC.

3.      Ove il numero delle associazioni e/o organizzazioni sia inferiore al numero dei rappresentanti previsti dalle lettere a), b) e c) del comma 2 per la parte residua i componenti saranno attribuiti alle associazioni e/o organizzazioni della stessa categoria:

a)      alle organizzazioni agricole maggiormente rappresentative sul territorio dell'ATC;

b)      alle associazioni venatorie maggiormente rappresentative e organizzate sul territorio (ATC);

c)      alle associazioni ambientaliste più rappresentative sul territorio (ATC).

4.      Ove il numero delle,associazioni e/o organizzazioni sia superiore al numero dei rappresentanti previsti dalle lettere a), b) e c) del comma 2, i posti saranno assegnati alle associazioni e/o organizzazioni, uno per ciascuna, più rappresentative e organizzato sul territorio dell'ATC.

5.      Ove sorgono controversie sul numero dei rappresentanti delle associazioni e/o organizzazioni di cui alle lettere a), b) e c) del comma 2, sarà l'Amministrazione provinciale competente a stabilire le assegnazioni, sentito il Conitato tecnico venatorio provinciale.

6.      I componenti il Comitato di gestione di cui alle lettere a), b) e c) del comma 2 devono essere residenti in Comuni ricadenti nell'ATC ed essere eletti e/o designati, a livello provinciale, all'interno delle rispettive associazioni e/o organizzazioni. Inoltre i componenti di cui alla lettera a) devono essere proprietari o conduttori di fondi ricadenti nell'ATC mentre i componenti di cui alla lettera b) devono essere iscritti e residenti nell'ATC scelto prioritariamente.

7.      I componenti di cui alla lettera d) del comma 2 devono essere residenti riell'ATC, esperti in materia di caccia e consiglieri o funzionari degli enti locali designanti.

8.      Il Comitato di gestione è nominato dalla Provincia entro trenta giorni dalla richiesta di designazione dei rappresentanti, in base alle deliberazioni e/o verbali di elezioni pervenuti, dura in carica cinque anni e i suoi membri possono essere rieletti o designati per due volte consecutive ma non contemporaneamente in più ATC. I componenti possono essere sostituiti dall'ente, dall'associazione o dall'organizzazione che li ha designati. I componenti del Comitato di gestione non possono far parte del Comitato tecnico provinciale come sancito dall'art. 6, comma 7, della legge regionale n. 27 dei 1998.

9.      Ove non pervengano le designazioni nel termine di cui al comma 8, il Presidente dell'Amministrazione provinciale provvederà alla diffida e messa in mora delle organizzazioni, associazioni ed enti locali inadempienti dando un termine perentorio di trenta giorni per ottemperare. Scaduto detto termine, l'Amministrazione provinciale provvederà, per i componenti di cui alle lettere a), b) e c) del comma 2, ad integrare il Comitato per la parte residua in base alle indicazioni delle associazioni e/o organizzazioni che abbiano già designato i propri rappresentanti e secondo la maggiore rappresentatività sul territorio dell'ATC. Resta inteso che i rappresentanti non designati di cui sopra dovranno essere surrogati da componenti della stessa categoria. Per quanto attiene gli enti locali l'Amministrazione provinciale chiederà prioritariamente all'ANCI e, ove ancora non si ottemperi, alla Regione la nomina di un Commissario ad acta per l'ottemperanza di quanto previsto dal presente regolamento. In caso di mancata designazione di tutti i venti componenti, il Comitato sarà nominato dalla Provincia alla scadenza del termine fissato dalla diffida e messa in mora di cui al presente comma, quando le designazioni pervenute raggiungano il quorum di almeno undici membri.

10. Le riunioni dei Comitato sono valide con la presenza della maggioranza dei membri nominati. Le deliberazioni sono adottate a maggioranza dei votanti; in caso di parità prevale il voto del Presidente che presiede il Comitato. Le deliberazioni di approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo devono essere adottate con il voto favorevole della maggioranza dei componenti nominati.

11. I componenti del Comitato di gestione, entro quindici giorni dalla nomina, eleggono, a maggioranza ed a scrutinio segreto, il Presidente, il vice Presidente, il Direttore tecnico, il Segretario amministrativo ed il Tesoriere. li vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di assenza o di vacanza.

12. La partecipazione al Comitato di gestione avviene a titolo gratuito, salvo rimborso delle sole spese chilometriche nella misura di 1/5 del costo del carburante.

13. Il Comitato di gestione, entro due mesi dalla nomina, provvede a dotarsi di un proprio regolamento interno, che preveda esclusivamente modalità e criteri di gestione contabile, incarichi e mansioni dei componenti il Comitato stesso. Il regolamento interno è redatto ed approvato dal Comitato di gestione sulla base del regolamento tipo predisposto dalla Regione sentiti i Comitati tecnici venatori provinciali e regionale.

14. Il Presidente dell'Amministrazione provinciale competente, sentito il Comitato tecnico faunistico venatorio provinciale, può sciogliere il Comitato di gestione per gravi violazioni delle leggi vigenti, del regolamento, delle direttive regionali e provinciali e/o del programma di intervento annuale di cui all'articolo 5, per mancata approvazione del bilancio di previsione, nonché per irregolarità nella rendicontazione accertate dal Collegio dei revisori dei conti. In tal caso il Presidente dell'Amministrazione provinciale nomina un Commissario ad acta per assolvere l'ordinaria amministrazione fino a quando non venga costituito un nuovo Comitato nei modi previsti e comunque entro centoventi giorni.

15. Il Comitato di gestione elegge la propria sede nel Comune che occupa una ubicazione centrale dell'ATC su indicazione della Provincia territorialmente competente.

 

Art. 5

(Compiti del Comitato di gestione)

1.      Il Comitato di gestione, sulla base del fondo di dotazione finanziaria di cui all'articolo 10 e nel rispetto delle norme del presente regolamento, della normativa vigente ed in attuazione delle direttive regionali e provinciali in materia:

1)      predispone annualmente, entro il mese di luglio della relativa stagione venatoria, il programma di intervento sul territorio destinato a caccia programmata da sottoporre all'Assemblea di cui all'articolo 6 per il prescritto parere ed alla Provincia per la presa d'atto;

2)      promuove ed organizza annualmente le attività di ricognizione delle risorse ambientali e della consistenza faunistica stanziale, programma gli interventi per i miglioramenti dell'abitat;

3)      provvede all'attività di ripopolamento sulle indicazioni del piano faunistico-venatorio regionale e con l'autorizzazione delle Province territorialmente competenti; inoltre, provvede a creare strutture di ambientamento per la fauna selvatica stanziale;

4)      collabora, su richiesta della Provincia, alla gestione tecnica delle zone di ripopolamento e cattura, oasi di protezione e centri pubblici di allevamento di fauna selvatica allo stato naturale, presenti all'interno dell'ATC;

5)      approva, entro il 31 ottobre dell'anno in corso, il bilancio preventivo ed entro il mese di febbraio dell'anno successivo quello consuntivo. Il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo devono essere trasmessi all'Amministrazione provinciale, unitamente al programma di interventi di cui al punto 1, entro e non oltre trenta giorni dalla loro approvazione. I termini di cui sopra sono perentori ed in caso di inottemperanza l'Amministrazione provinciale provvede a nominare un Commissario ad acta per tale incombenza, entro trenta giorni dai termini stabiliti;

6)      provvede all'individuazione e all'attribuzione di incentivi economici con le somme stanziate dall'articolo, 10 comma 3, lettera a), ai proprietari o ai conduttori dei fondi rustici che si impegnino in opere di miglioramento, ai fini faunistici, del loro territorio, nonché all'erogazione dei contributi in conto danni previsti dal citato articolo;

7)      provvede alla compilazione della graduatoria dei cacciatori extra-provinciali ammessi all'esercizio venatorio alla fauna stanziale ed alla graduatoria dei cacciatori extraregionali ammessi all'esercizio venatorio alla fauna migratoria per un massimo di venti giornate;

8)      provvede, nel rispetto dei posti assegnabili con il Programma venatorio, a rilasciare autorizzazioni:

a)       ai cacciatori extraprovinciali rispettando l'ordine cronologico delle richieste pervenute. Nel caso in cui le richieste eccedano i posti assegnabili, procedono al seorteggio;

b)      ai cacciatori extraregionali, con priorità ai cacciatori residenti in Regioni limitrofe con le quali esistono rapporti di reciprocità convenzionata, valutando successivamente le ulteriori domande e procedendo, sempre con sorteggio, se le istanze pervenute superano i posti assegnabili;

9)       abrogato

10) provvede a rilasciare permessi giornalieri in attuazione della L. R. n. 12 del 29/07/04 art. 14, comma 5;

11)     abrogato

12)     abrogato

13) provvede a segnalare all'Amministrazione provinciale competente le assenze ingiustificate di componenti del Comitato di gestione, che non siano stati presenti a tre sedute consecutive. L'Amministrazione provinciale dichiara, con delibera motivata, l'eventuale decadenza dei succitati componenti e provvede con le modalità di cui ai punti precedenti alla loro sostituzione a seguito di nuova designazione da parte delle associazioni, organizzazioni o enti locali territoriali. Eguale procedura è applicata al singolo componente che abbia commesso gravi irregolarità amministrativo-contabili;

14) può avvalersi di consulenza tecnica per la buona riuscita di progetti mirati e riportati nel programma di intervento annuale;

15) provvede alla nomina e al coordinamento di gruppi di lavoro. I gruppi di lavori, i cui membri esercitano un'attività di volontariato a titolo gratuito, saranno composti da cacciatori, agricoltori, ambientalisti residenti nei comuni ricadenti nell'ATC per eseguire sul proprio territorio censimenti, accudire voliere e recinti di ambientamento della fauna, effettuare ripopolamenti;

16) richiede, con piani mensili, all'Amministrazione provinciale competente per territorio una vigilanza particolareggiata su aree specifiche;

17) opera in conformità del presente regolamento, della normativa in materia e dei compiti assegnati dalla Provincia.

 

Art. 6

  abrogato

 

Art. 7

( Assemblea di zona)

1.      Almeno due volte l'anno il Comitato di gestione, a mezzo di avviso pubblico, riunisce in assemblea i cacciatori residenti nella Provincia territorialmente competente, i proprietari e/o conduttori dei fondi inclusi e gli ambientalisti delle associazioni, di cui all'articolo 4, tutti residenti nei comuni dell'ATC, una prima volta in settembre per esporre il programma di interventi annuali sul territorio ed acquisire il parere una seconda volta in febbraio, per le valutazioni dell'andamento della gestione. Copia del verbale delle assemblee deve essere trasmessa all'Amministratone provinciale competente entro trenta giorni dall'assemblea.

 

Art. 8

(Criteri di ammissione all'esercizio venatorio)

1.      Ai cacciatori residenti nella Regione Puglia spetta di diritto l’esercizio della caccia programmata alla fauna stanziale nell’ATC della propria Provincia di residenza con la possibilità di avere accesso in altri ATC di altre Province previo consenso dell’ Organo di Gestione, nel rispetto della capienza dell’Ambito di Caccia determinata con il Programma Venatorio, con riferimento alla densità venatoria prestabilita.

2.      Per l’autorizzazione di accesso negli Ambiti di altre Province, per l’esercizio alla caccia programmata alla fauna stanziale, il cacciatore richiedente dovrà inoltrare al Comitato dell'ATC prescelto, domanda in carta semplice, dal 1° febbraio al 31 marzo dell’anno in corso a mezzo "Raccomandata AR". La domanda deve essere corredata del certificato di residenza, della fotocopia del porto d’armi e licenza di caccia, in corso di validità, o relative autocertificazioni (fa fede territorio il timbro postale di partenza). Nel caso che il rinnovo del porto d’armi sia in corso, il richiedente segnalerà detta circostanza nella istanza, riservandosi di esibire la fotocopia ad acquisizione di detta autorizzazione.

3.      I cacciatori extraregionali che intendono esercitare la caccia alla fauna migratoria come da L. R.n. 12 del 29/07/2004, art. 14–comma 5, devono inoltrare domanda all’ATC prescelto nei termini e modalità di cui al comma precedente.

4.      Il Comitato di Gestione entro il 31 maggio successivo, elabora la graduatoria degli ammessi sulla base delle domande pervenute e con i criteri prefissati. Avverso la graduatoria, esposta per quindici giorni consecutivi all’Albo Pretorio della Provincia competente, è ammesso ricorso in carta semplice al Presidente della Provincia entro dieci giorni dal termine dell’esposizione all’Albo. Il Presidente della Provincia provvederà, nel termine perentorio di dieci giorni dalla data di presentazione del ricorso.

5.      I cacciatori ammessi devono versare entro il 30 giugno il contributo di partecipazione alle spese di gestione dei territori dell’ATC destinati alla caccia programmata, nella misura predeterminata dalla Regione.

6.      Il Comitato di Gestione, a partire dal 15 luglio, rilascerà le autorizzazioni annuali ai cacciatori residenti in altre Province della Regione ed autorizzati all’esercizio della caccia programmata alla fauna stanziale, ad esibizione del versamento.

7.      I cacciatori residenti nell’ATC della propria Provincia di residenza, senza effettuare alcuna domanda al Comitato di Gestione, saranno autorizzati di diritto all’accesso nel proprio ATC, purché abbiano versato entro il 30 giugno il contributo dovuto come da ricevuta di versamento in proprio possesso ed esibita in fase di controllo.

8.      I cacciatori extraregionali ammessi nell’ATC prescelto avranno diritto all’esercizio della caccia alla sola fauna migratoria esclusivamente nell’ATC autorizzato e per venti giornate di caccia a partire dalla terza domenica di settembre. Le autorizzazioni saranno rilasciate a partire dal 1° settembre previa presentazione della ricevuta di versamento.

9.      A tutti i cacciatori residenti in Puglia, in possesso del versamento effettuato all’ATC di appartenenza della propria Provincia di residenza, è consentito l’accesso in tutti gli ATC della Regione, per l’esercizio venatorio alla fauna migratoria ai sensi della L. R. n. 12 del 29/07/2004, art. 14–comma 2.

10. Il cacciatore residente in Regione ha diritto all’addestramento dei cani da caccia nei periodi di preapertura della stagione venatoria così come stabilito dal Calendario Venatorio Regionale.

11. Il rimborso della quota del contributo versato, al cacciatore che non intende più effettuare la caccia alla fauna stanziale in altri ATC della Regione, nei quali era stato autorizzato, oltre quello della Provincia di residenza, avverrà solo se sarà inoltrata domanda di rimborso effettuata a mezzo di raccomandata A.R. da inviarsi prima dell’inizio della stagione venatoria e con la riconsegna dell’autorizzazione, ove già ritirata.

12. Tutti i posti resisi disponibili, in quanto non assegnati, sia per la caccia alla stanziale ai cacciatori residenti in Regione, L. R. n. 12 del 29/07/2004, art.14–comma 4, che per la caccia alla fauna migratoria ai cacciatori extraregionali, L. R. n.12 del 29.07.2004, art.14–comma 5, saranno utilizzati come permessi giornalieri e rilasciati su richiesta scritta, previo versamento della quota di partecipazione alle spese di gestione del territorio fissato con il Programma Venatorio.

 

Art. 9

(Quote di partecipazione)

1.      La quota di partecipazione prevista dall'art. 9, comma 16, lettera d), della legge regionale n. 27 del 1998 viene versata su apposito c.c.p. all'ATC in cui il cacciatore è stato ammesso per l'importo stabilito dalla Regione. Uguale disciplina per i permessi giornalieri a pagamento.

 

Art 10

(Gestione finanziaria)

1.      Il fondo di dotazione finanziaria del Comitato di gestione è composto da:

a)      le quote versate dai cacciatori utilizzatori dell'ATC;

b)      i contributi stanziati dalla Regione con il programma venatorio regionale;

c)      gli eventuali contributi stanziati dall'Amministrazione provinciale;

d)      gli eventuali residui attivi dell'esercizio precedente;

e)      gli introiti vari.

2.      Ogni Comitato per il finanziamento del programma annuale di interventi e delle spese di gestione ha fac oltà di spesa esclusivamente nei limiti delle disponibilità finanziarie che gli derivano dai fondi accertati di cui al comma 1.

3.      Nel bilancio preventivo di spesa, deliberato nelle forme e con le modalità di cui all'articolo 5, deve essere prevista quale quota parte dell'intera entrata:

a)      il 20 per cento per interventi sul territorio al fine di migliorare la presenza faunistica e precisamente:

1)      coltivazioni a perdere;

2)      ripristino zone umide;

3)      coltivazione di siepi e cespugli;

4)      fondi di abbeveraggio;

5)      miglioramento dell'habitat di aree non inferiori a 10 Ha.; ecc.

b)      il 45 per cento per l'acquisto di fauna selvatica per ripopolamento oltre l'eventuale quota stanziata dalla Regione con il programma venatorio annuale;

c)      il 10 per cento per strutture di ambientamento della fauna stanziale oltre l'eventuale quota stanziata dalla Regione con il programma venatorio annuale;

d)      il 25 per cento per spese di gestione.

4.      E’ data facoltà al Comitato di gestione previo parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti, apportare, con motivata deliberazione, variazioni alle percentuali di cui al comma 3 per far fronte a spese indifferibili ed urgenti sopravvenute nonché straordinarie e di prima attuazione. La relativa deliberazione è trasmessa entro trenta giorni dall'adozione all'Amministrazione provinciale per la presa d'atto, condizione di esecutività del provvedimento. Il bilancio dell'esercizio deve chiudersi rigorosamente in pareggio, salvo eventuali residui attivi per le spese non sostenute.

5.      I componenti dei Comitato di gestione dell'ATC rispondono personalmente di eventuali obbligazioni sorte per spese non previste nel bilancio preventivo e per importi eccedenti le spese autorizzate.

6.      Non sono responsabili delle obbligazioni di cui al comma 5 i componenti assenti e quelli che in sede di approvazione abbiano, con espressa motivazione, votato contro il provvedimento medesimo.

 

Art. 11

(Collegio provinciale dei sindaci revisori)

1.      Il Presidente della Provincia nomina un Collegio dei Revisori dei Conti, con il compito di controllare la regolarità della gestione contabile del Comitato di Gestione dell'ATC.

2.      Il Collegio è costituito da tre componenti effettivi, iscritti all'Albo regionale dei sindaci revisori e due componenti supplenti.

3.      I compensi e i rimborsi delle spese dovuti ai sindaci revisori sono a carico della Provincia con i fondi stanziati dal programma venatorio regionale.

4.      I sindaci revisori possono assistere alle riunioni del Comitato di gestione ed esprimono parere obbligatorio per quanto concerne le variazioni di spesa.

 

Art 12

(Vigilanza venatoria)

1.      La vigilanza venatoria nell'ATC è svolta, oltre che dagli agenti dipendenti dall'Amministrazione provinciale, dalle guardie volontarie ai sensi dell'articolo 44, comma 1, lettera b), della legge regionale n. 27 del 1998.

2.      L’attività di vigilanza nell'ATC è coordinata dal Presidente della Provincia territorialmente competente.

 

Art. 13

(Sanzioni)

1.      E’ fatto divieto ai cacciatori che non siano stati ammessi all'esercizio venatorio all'interno dell'ATC esercitare qualsiasi forma di caccia nell'ATC stesso.

2.      Il trasgressore del divieto di cui al comma 1 è punito con la sanzione amministrativa da lire 300 mila a lire 1 milione 800 mila, prevista dall'articolo 49, comma 1, lettera d), della legge regionale n. 27 del 1998.

3.      I cacciatori ammessi nell'ATC, non autorizzati all'abbattimento di fauna stanziale o quelli autorizzati ma che abbiano abbattuto fauna stanziale in periodo della stagione venatoria non consentito, sono obbligati al risarcimento danni per ogni capo abbattuto come di seguito riportato, oltre le sanzioni previste dalla normativa vigente in materia:

a)      lire 100 mila per ogni fagiano

b)      lire 150 mila per ogni starna

c)      lire 300 mila per ogni coturnice orientale o pernice rossa

d)      lire un milione per ogni lepre

e)      lire 500 mila per ogni cinghiale

f)        lire un milione per ogni capriolo o daino o muflone o cervo.

4.      Ai trasgressori di cui ai precedenti commi nonché a coloro i quali sia comminata la sanzione per l'uso dei richiami acustici vietati ai sensi dell'articolo 32, comma 8, della legge regionale n. 27 del 1998, il Comitato di gestione provvede al ritiro dell'autorizzazione per la stagione in corso. In caso di recidiva l'estromissione dall'ATC è prevista per un periodo minimo di anni tre.

5.      Ai fini dell'applicazione del presente articolo si fa espresso riferimento all'articolo 51 della legge regionale n. 27 del 1998.

 

Art. 14

(Attuazione regolamento)

1.      Le Amministrazioni provinciali, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, dichiarano decaduti i Comitati di gestione già insediati, provvedendo alle nuove nomine ai sensi della presente normativa su designazione delle associazioni, enti e categorie interessate e con i criteri di cui all'articolo 4.

2.      In caso di inosservanza, la Regione provvede alla nomina di un Commissario. I Comitati di gestione dichiarati decaduti restano in carica non oltre sessanta giorni, in regime di prorogatio, sino all’insediamento del nuovo organo, per lo svolgimento della gestione ordinaria. Con la decadenza dei Comitati di gestione i componenti degli stessi possono essere rieletti per una sola volta, ai sensi dell’art. 4, comma 8.